Siracusa

 

Talk directly with the owner
(+39) 348 3380519
Phone and Whatsapp Available
Siracusa: Siracusa piazza.

Di origine corinzia, fu fondata da Archia nel 734 avanti Cristo, anche se numerosi reperti rivelano la presenza dell'uomo gia in epoca preistorica. Il nucleo più antico è l'isola di Ortigia, collegata alla terraferma da un istmo che ne premise la graduale espansione. Oggi Siracusa custodisce innumerevoli tesori archeologici: tra i tanti ricordiamo, di età greca, il Teatro; splendido nelle sere di fine maggio quando vengono messe in scena le rappresentazioni del dramma antico, una esperienza da vero viaggio a ritroso nel tempo in uno scenario davvero irripetibile.

Sempre all'interno della collezione greca di Siracusa troviamo i templi di Apollo, Atena e Giove Olimpio, le Latomie e l'Ara di Gerone II. Di età romana paleocristiana restano invece l'Anfiteatro, il Ginnasio,il Foro siracusano, le Catacombe e le Basiliche. Molte anche le testimonianze dei periodi della dominazione bizantina, normanno-sveva e spagnola, e molte sono le possibilità di scoprire siti d'interesse nei dintorni della città aretusea, a cominciare dal barocco di Noto con i suoi palazzi monasteri e chiese e con I resti della città preistorica chiamata Netum. Per gli amanti della natura passaggio obbligato dalla riserva naturale di Vendicari o presso i laghetti di Cavagrande.

Altri siti d'interesse sono Pantalica, la più grande necropoli rupestre d'Europa con un immenso susseguirsi di tombe e grotticelle scavate nelle pareti rocciose e con il palazzo del principe situato nel punto più alto del costone scosceso, ed il castello Eurialo, la più grande fortezza militare rimasta del periodo Greco, costruito da Dionigi nel v secolo avanti Cristo, costituito da numerosissime gallerie interne e con tre diversi fossati a protezione del castello.

Interessante anche il paesino di Portopalo sull'estrema punta dell'isola; si tratta di un villaggio di pescatori di origine fenicia situato di fronte all'isoletta di Capo Passero dove si trova una fortezza svevo-aragonese costruita per avvistare le navi saracene. Se vi trovate da queste parti non dimenticate una sosta in una delle tipiche trattorie per assaggiare i piatti della cucina locale a base di pesce fresco e delle altre tipicità della zona, dopo tutto il commissario Montalbano potrebbe essere seduto non lontano dal vostro tavolo.